Ispirati dalle cime

Ispirati dalle cime - G.D. Vajra
Vigne di alta quota. Questa è la strada, impervia e bellissima, che ci conduce a vini dove finezza e profumi si fondono in modo unico. 

Bricco delle Viole è il paradigma dei nostri climat. La vigna è stata sagomata con un dolce sbalzo verso sud, visibile da un raggio di molti chilometri, e in certe giornate d’autunno sembra emergere come un promontorio da un mare di nebbia. 

Qui il sole non incontra ostacoli. Sorge prestissimo ad est e dona energia alle vigne fino all’ultimo, quando affonda ad ovest oltre le Alpi. 

La purezza della luce è bilanciata dall’influenza della catena alpina e dalla prossimità con il fiume Tanaro.

Si creano così sbalzi termici molto accentuati, in grado di far maturare l’uva lentamente fino a perfezione, preservandola dagli eccessi di calore e permettendo la concentrazione di aromi nobili e delicatissimi. 

Non è raro trovare la violetta, la scorza d’arancia, l’anice stellato tra i sentori del Bricco delle Viole. 

Questa per noi è una strada, una ispirazione, quasi una vocazione.

In ogni vigna ricerchiamo caratteri e personalità unici, ma in tutte cerchiamo questa nota di eterea bellezza, come una dolce poesia sussurrata.